Spesso ci chiedete “Ma voi non vi fermate mai? D’inverno dev’essere proibitivo!”.

E la nostra risposta di solito è che no, non ci fermiamo, e che ogni stagione ha il suo fascino e la sua bellezza, che riusciamo ad apprezzare proprio grazie allo stretto contatto con la natura.

Gli scandinavi infatti dicono che non esiste il cattivo tempo, esistono solo i vestiti inadatti!

Andiamo quindi a vedere gli aspetti delle varie stagioni nel trekking.

INVERNO NON TI TEMO!

inverno trekking camminare

L’inverno fa freddo, piove, fa buio presto…. Sì, ma chi lo dice che non possa essere un buon momento per camminare ed esplorare un nuovo luogo?

D’inverno le giornate di sole sono spesso fra le più belle e terse dell’anno, la visibilità è ai suoi livelli massimi grazie alla minore foschia e ai venti freddi, regalandoci panorami strepitosi.

Inoltre fare attività fisica all’aria aperta aumenta le nostre difese immunitarie, fa bene all’organismo.

Non meno importante, camminando d’inverno ci rendiamo conto che il peggio che ci può capitare è doversi coprire un po’ di più o dover sopportare un po’ di fango… però che bello sovvertire l’idea che bisogna stare chiusi in casa!

E poi, è vero che fa buio presto, ma questa è anche una buona scusa per rientrare prima a casa e godersi il meritato riposo al calduccio, che apprezzerete come non mai.

Unica avvertenza: è necessario avere abbigliamento tecnico adatto alla stagione per poter godere appieno del tempo passato all’aria aperta!

 

PRIMAVERA: IL RISVEGLIO DELLA NATURA

primavera faggi verde trekking

La natura che si risveglia, la magia delle nuove foglie sugli alberi, le giornate che si allungano…

A volte si fa attendere, a volte può essere piovosa, ma ogni anno la Primavera sembra sempre miracolosa per il suo ripetersi incessante.

Stando all’aria aperta, nel giro di un paio di settimane è possibile osservare come il bosco diventa verde in pochissimo tempo, tanto che quasi ci si scorda di come era prima.

Per non parlare poi delle fioriture, che iniziano con gli “Highlander” Corniolo e Prugnolo, per poi proseguire con il Biancospino, gli alberi da frutto, e poi più avanti le Ginestre, le piante della Macchia Mediterranea…

Piano piano la natura si ripopola di profumi, suoni e luci.

Una vera esplosione di vita!

 

I PROFUMI DELL’ESTATE

trekking estate

L’estate, che a prima vista sembrerebbe la stagione migliore per stare all’aria aperta, può essere spesso molto calda soprattutto per esplorare zone aperte e a bassa quota come le Crete Senesi, il Chianti e la Val d’Orcia.

E allora quale miglior momento per buttarsi in esplorazioni “acquatiche” dei nostri fiumi e torrenti? O per scoprire le nostre belle montagne e Foreste dell’Appennino, o ancora per sperimentare la magia di camminare di notte?

Il profumo della campagna nelle sere d’estate è un’esperienza indimenticabile!

 

MAGIA D’AUTUNNO

L’Autunno, che per molti può essere associato alla tristezza per la fine dell’estate, è in realtà una delle stagioni più magiche nella Natura.

Il bosco, infatti, in questa stagione dà molti dei suoi frutti, e si prepara all’arrivo dell’inverno vestendosi di colori spettacolari.

Camminando, si percepisce che la natura piano piano si prepara al riposo necessario per poter iniziare un nuovo ciclo. Interessante come questa ciclicità possa essere uno spunto anche per le nostre vite frenetiche, no?

E infine, chiuso un ciclo si riparte con un nuovo inverno, una nuova calma apparente che però, oramai lo sappiamo, ci possiamo godere in attesa che la natura si riattivi.